Chi ha la fortuna di possedere una piscina sa che le alghe sono un problema piuttosto comune.

Queste, infatti, si formano a causa della proliferazione di microorganismi che possono diffondersi molto rapidamente e compromettere la composizione chimica dell'acqua se non si effettua una manutenzione costante. Se il colore dell'acqua è verde oppure cominciate ad intravedere alcune formazioni vegetali sul fondo o sulle pareti della vasca allora molto probabilmente nel giro di pochi mesi la vostra piscina si riempirà con una fastidiosa melma.

In questo articolo vedremo come risolvere con efficacia questo problema così diffuso; sappiate, comunque che, a seconda della tipologia di microorganismi, bisognerà adoperare metodi di prevenzione e pulizia differenti per evitare le alghe in piscina.


Alghe verdi sospese


Per questa tipologia di alghe bisogna versare nella vasca ipoclorito a sufficienza finché l'acqua non sarà di un colore grigiastro. Ovviamente spazzate il fondo e le pareti. Qualora fosse necessario centrifugate nuovamente il filtro; quando il cloro sarà sceso sotto i 5 ppm dovrete aggiungere un apposito alghicida e pulire nuovamente la vasca.

Una volta che la melma verde si sarà posata dovrete aspirare l'acqua per poi smaltirla. A questo punto non vi resta che controllare il pH ed eventualmente riequilibrarlo per evitare irritazioni alla pelle e agli occhi.

 

Alghe nere


Queste alghe rispetto a quelle verdi sono più difficili da combattere poiché sono invasive e resistenti. Innanzitutto dovrete trattarle come indicato sopra per quelle verdi.

A differenza di queste ultime, però, la fase della pulizia sarà decisiva; dovrete, infatti, frantumare lo strato protettivo formato dalle alghe in maniera tale che l'alghicida possa penetrare efficacemente. Per questa operazione potrete sfruttare la pietra pomice.

Le alghe rimosse durante questa fase dovranno essere smaltite o aspirate; qualora venissero filtrate ricordatevi di lavare prontamente il filtro per evitare che si intasi. Per pulire il fondo della vasca da questa tipologia di alghe potete utilizzare il tricloro granulare, che ne faciliterà il distacco. Per finire aggiungete dell'alghicida con rame.

 

Alghe persistenti


Nel caso di alghe più persistenti dovrete pulire la piscina eseguendo uno scarico per poi riempirla nuovamente. Dopo aver scaricato l'acqua dovrete effettuare un lavaggio a pressione oppure con acido in modo tale che le alghe incollate nello stucco e sulle superfici si stacchino più facilmente.


Contattaci per informazioni al numero 800 372960.