Una delle questioni più complesse che si devono affrontare quando si desidera realizzare una piscina privata o pubblica è quella relativa ai permessi e le autorizzazioni per la costruzione.

Innanzitutto bisogna ricordare che purtroppo la normativa italiana a tal proposito non è molto chiara e spesso viene anche interpretata nel modo errato; non è un caso, quindi, che anche tra comuni limitrofi spesso le modalità di richiesta e di interpretazione della normativa possano cambiare notevolmente.

La cosa certa è che, per realizzare una piscina, occorre un'apposita autorizzazione. Qualora quest'ultima mancasse saranno considerati responsabili, al livello penale, tutti i soggetti, ovvero il progettista, il proprietario e il costruttore.

Nonostante le difficoltà di interpretazione e i diversi passaggi burocratici, l'ottenimento dell'autorizzazione per la costruzione di una piscina è meno complesso di quanto possa sembrare a primo impatto.

Prima di entrare nel dettaglio dei diversi permessi necessari per l'avvio dei lavori, vogliamo descrivere quali sono i casi in cui è necessario il ricorso alle autorizzazioni per costruire una piscina.
 

Quando non occorre richiedere un'autorizzazione

L'autorizzazione per la realizzazione di una piscina non viene richiesta per le piscine FUORI TERRA. Al contrario, molto importante per la costruzione di queste piscine è il CERTIFICATO DI MOBILITÀ, ovvero un attestato essenziale per il montaggio della piscina fuori terra in ogni luogo, comprese le zone sottoposte a vincoli paesaggistici e ambientali, zone agricole, in prossimità del mare.
Centro Italia è concessionaria di Piscine Laghetto, società italiana con grande esperienza di piscine fuori terra installate su terra o sabbia senza autorizzazione in svariate zone soggette a vincoli. Queste piscine possono anche essere personalizzate con panche e scale purché le strutture risultino rimovibili.
 

Quando occorre richiedere un'autorizzazione

L'autorizzazione per la realizzazione di una piscina viene richiesta per tutte le piscine interrate o parzialmente interrate. Vediamo di seguito quali quali permessi servono per costruire una piscina. In base alla tipologia di piscina che si desidera realizzare e a seconda delle normative urbanistiche regionali e comunali, il Comune di riferimento potrà richiedere uno dei seguenti “titoli”:

  • DIA (denuncia di inizio attività)
  • SCIA (segnalazione certificata inizio attività)
  • permesso di costruire
  • autorizzazione edilizia e progetto antisismico
  • vincolo paesaggistico
  • carta della qualità


Vediamo ora le caratteristiche principali di ognuno dei permessi sopra elencati.
 

DIA

Qualora la costruzione della nuova piscina si configuri come un intervento di tipo pertinenziale e il volume costruito non superi del 20% quello dell'edificio, basterà presentare la cosiddetta DIA (dichiarazione di inizio attività) utilizzando gli appositi moduli forniti dal Comune. Quest'ultimo avrà un mese di tempo a disposizione per opporsi e, se in tale periodo non verrà inviata alcuna comunicazione, si applicherà automaticamente il “silenzio-assenso”; la DIA quindi diventerà un titolo edilizio abilitativo.
 

SCIA

La SCIA, legge del 7 agosto 1990, sostituisce molte volte la DIA. Una volta presentata la cosiddetta SCIA( Segnalazione Certificata di Inizio Attività), i lavori possono iniziare subito senza aspettare i 30 giorni della DIA. Bisogna però tenere presente che in questo caso il Comune si riserva 60 giorni per eventuali modifiche o per la cessazione delle opere. La SCIA si può richiedere presso il Comune di appartenenza utilizzando gli appositi moduli di presentazione.
 

Permesso di costruire

Questo documento è necessario nel caso la piscina di nuova costruzione non fosse legata ad alcun vincolo pertinenziale con un immobile oppure nel caso l'opera realizzata abbia un volume che supera il 20% rispetto all'edificio principale; questo documento può anche essere richiesto qualora specifici vincoli paesaggistici oppure le norme tecniche di attuazione qualifichino gli interventi come opere di nuova costruzione
 

Carta della Qualitá

La carta della qualità viene applicata da vari comuni italiani per tutelare l’impatto ambientale della piscina in un contesto naturale. In queste zone la realizzazione della piscina, a prescindere dalla categoria di intervento cui la stessa è ascrivibile, risulta in Carta della Qualità ed è subordinata al parere preventivo favorevole dell’ente comunale preposto che si esprime solitamente 60 giorni. Nel caso la piscina si trova in permesso a costruire l’istanza di parete preventivo è formulata dal responsabile del procedimento di abilitazione. In questi casi i tempi delle autorizzazione aumentano ed arrivano a 120/150 giorni.
 

Autorizzazione edilizia

Questa può essere richiesta solo nel caso fosse previsto dal regolamento comunale edilizio o dalle normative regionali. Naturalmente, data la complessità della materia è sempre consigliabile rivolgersi all'ufficio tecnico del proprio Comune in maniera tale da avere conferme e chiarimenti sull'esatto iter burocratico da seguire per la costruzione della piscina.
 

Certificazione antisismica

La certificazione antisismica è ormai richiesta da molti enti locali e Comuni come documentazione aggiuntiva alla DIA, alla SCIA, al permesso di costruire e alle altre autorizzazioni previste. Centro Italia costruisce piscine antisismiche certificate Piscine Castiglione.
 

Autorizzazione ASL

La relazione sull'acqua di una piscina è sempre richiesta dalle ASL (aziende sanitarie locali) locali o di competenza territoriale o dal Comune stesso in assenza di ASL e descrive il ciclo dell'acqua di una piscina dal filtraggio alla disinfezione allo scarico che deve essere senza cloro. Molte volte il Comune non rilascia l'autorizzazione fino all'arrivo dell'autorizzazione ASL. Solitamente la pratica ASL è veloce e richiede pochi giorni per il rilascio del documento.


Contattate il nostro numero verde 800372960, un nostro tecnico sarà a Vostra disposizione per tutte le informazioni e le linee guida sulla costruzione della piscina.